Archivio

Archive for the ‘regole e leggi’ Category

Diventare Artigiani in Italia: come creare una impresa.

ottobre 11, 2011 Lascia un commento

Molte sono le fonti che si possono trovare in internet che riguardano leggi e linee guida da rispettare, per quanto riguarda la possibilità di diventare artigiano, quindi di “lavorare in proprio” in Italia.

– L’Artigiano è un imprenditore?
Assolutamente si! E’ un imprenditore colui che si occupa di una professione economica che riguarda lo scambio di beni e servizi, senza gerarchie, perchè è lui che decide per il funzionameto dell’azienda.
Solitamente in un azienda a livello aritgianale è il titolare (artigiano) che si prende cura di tutto:

  • contabilità
  • manodopera
  • dirigenza

Solitamente chi decide di lavorare in proprio è colui che crede di aver creato un servizio utile a soddisfare dei bisogni di mercato che al momento non si è trovata ancora una valida  soluzione, oppure perchè trovando nuove tecnologie tenterà  di imporsi come:

  • maggior qualità del srvizio
  • tempistiche minori
  • prezzi piu economici

Queste sono le motivazioni che il più delle volte portano al successo imprenditoriale, ovviamente contornato da un pizzico di fortuna che non guasta mai!

– Tipologie di società esistenti in Italia

Ecco di seguito i tipi di società in Italia:

S.N.C= società a nucleo collettivo

S.A.S= società in accomandata sempilce

S.R.L= società a responsabilità limitata

Rimangono invece escluse queste tipologie di società, perchè superano il limite di collaboratori all’interno della piccola realtà artigianale:

S.R.L.U: società a responsabilità limitata unipersonale

S.P.A= società per azioni

– Come iniziare l’attività dell’Artigiano?

Per iniziare l’attività dell’Artigiano anzitutto bisogna essere iscritti all’A.I.A (organo provinciale competente per la sottosrcizione di imprese artigiane ).

P.S: in genere queste iscrizioni le si fanno grazie ad un aiuto del proprio commercialista di fiducia!

– Iscrizione presso il registro delle imprese  (denunciare l’attività alla camera di commercio)

– Comunicare dove si svolgerà l’attività (in propria abitazione o ambulante)

INAIL (iscrizione all’INAIL, nonchè assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro)

P.IVA (identificazione tramite cifre della propria impresa )

IRPEF (imposta calcolata in base al reddito denunciato)

IRAP ( imposta regionale sulle attività produttive)

Ecco in sintesi tutti i vari passaggi per riuscire ad aprire un attività da Artigiano in Italia!

Annunci